Skip navigation

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/20.500.12128/11525
Title: Luterańska mariologia w "Kazaniach" ks. Samuela Dambrowskiego (1577-1625)
Authors: Sawa, Przemysław
Keywords: "Kazania" ks. Samuela Dambrowskiego; Luteranizm; mariologia
Issue Date: 2010
Citation: "Śląskie Studia Historyczno-Teologiczne" vol. 43, nr 1 (2010), s. 68-81
Abstract: Il grande predicatore del luteranismo polacco del XVII secolo era Samuel Dambrowski (1577-1625) nato nella tipica famiglia protestante. Era pastore della parrocchia evangelica di Poznań e dopo la demolizione della chiesa luterana a Poznań si era trasferito a Vilna dove era diventato parroco della parrocchia polacca e sovrintendente di Lituania e Samogizia. La gente si è sempre interessata e s’interessa anche adesso delle sue omelie („Prediche o Corsi per bene” - „Kazania albo Wykłady Porządne”). Nel contesto dell’insegnamento su Maria, le omelie di Dambrowski risultano importanti per il fatto che a questo autore non si possono attribuire risentimenti cattolici; lui stesso ha servito la chiesa 100 anni dopo la Riforma luterana ed è cresciuto nell’ambiente evangelico. L’importante è il fatto che le sue omelie, anchè se scritte nel periodo di persecuzione dei seguaci di Lutero e Calvino, non contengono tracce di polemica ma sono piene di analisi biblica e paternalistica. Dambrowski ribadisce chiaramente la santità e castità di Maria, anchè se la Madre di Dio non può essere considerata mediatrice della salvezza. La lode, il lodare sono azioni riservate esclusivamente a Dio. Per il luteranesimo, il ruolo di Maria è indubbiamente quello pedagogico sopratutto in funzione della preghiera, d’imitazione delle onestà, della vita della parola di Dio e d’accettazione della sofferenza. La grandezza di Maria è ribadita dall’applicazione nei suoi confronti di diversi titoli, quali: „madre vera e genitrice del Figlio di Dio,Vergine pura, Fidanzata divina, Benedetta tra le donne, regalata per la grazia, devota, santa, pudica, madre della dolcezza graziosa, madre di Gesú dolcissimo, fidanzata dello Spirito Santo, Madre di Dio” ecc. Tuttavia Dambrowski non riconosce l’Immacolata Concezione; rivolge l’attenzione al fatto che Maria non ha acconsentito alla dominazione del peccato; interviene altresì in favore della verginità di Maria anche dopo la nascita di Gesú (semper Virgo). Parlando di Assunzione, ammette tale possibilità affermando nonostante che questa verità non è presente nelle Sacre Scritture sia per non oscurare l’Ascensione di Cristo che per ovviare all’idolatria che potrebbe risultare da tale tesi. Dall’analisi di cui prima delle omelie scelte di Samuel Dambrowski emerge che la mariologia luterana, almeno nel primo secolo della Riforma, è molto chiara e profonda. Si potrebbe pure formulare una tesi che nella maggior parte, il detto insegnamento è simile alla mariologia cattolica, sopratutto dopo Il Concilio Vaticano II e dopo il riordinamento della teologia e della pratica ecclesiale alla luce della Bibbia e dell’eredità teologica dei secoli perciò potrebbe costituire una base importante dell’incontro ecumenico e del risanamento dei pregiudizi tra cattolici e luterani.
URI: http://hdl.handle.net/20.500.12128/11525
ISSN: 0137-3447
Appears in Collections:Artykuły (W.Teol)

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Sawa_Luteranska_mariologia_w_Kazaniach.pdf843,24 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


Uznanie autorstwa - użycie niekomercyjne, bez utworów zależnych 3.0 Polska Creative Commons License Creative Commons